Skip to main content

Adobe Lightroom, rimuovere gli oggetti è ora facile grazie all’IA di Firefly

Adobe firefly modifiche ia su lightroom
22 Maggio 2024, 09:46 | Lorenzo Ricciutelli Lorenzo Ricciutelli

Gli utenti di Lightroom ora possono beneficiare delle capacità di editing IA offerte Adobe Firefly, che consentono di rimuovere oggetti e persone dalle foto in modo semplice e rapido.

Negli ultimi anni, Adobe ha fatto grandi progressi nel campo dell’intelligenza artificiale tramite il modello Firefly, integrando strumenti di IA generativa in vari programmi, tra cui Photoshop e Lightroom.

Adobe ha annunciato l’introduzione di due nuovi strumenti potenziati da Firefly in Lightroom: Generative Remove e i preset di Lens Blur. Questi strumenti ampliano le possibilità di editing per gli utenti, offrendo nuove funzionalità anche su dispositivi mobili.

Generative Remove permette di selezionare facilmente una persona o un oggetto in un’immagine e rimuoverlo, con Firefly che riempie lo spazio vuoto in modo credibile e realistico. Questo strumento è particolarmente utile per rimuovere elementi che non vogliamo siano presenti dalle foto.

I preset di Lens Blur consentono di sfocare rapidamente lo sfondo delle immagini con un solo clic, scegliendo tra diversi livelli di sfocatura. Questa funzione attira l’attenzione sul soggetto principale della foto, migliorando l’impatto visivo dell’immagine.

Oltre a questi strumenti, Adobe ha ampliato il supporto per il tethering delle nuove fotocamere, inclusi i modelli digitali Sony. Questa funzionalità facilita il lavoro dei fotografi e dei gruppi creativi, migliorando l’efficienza e la collaborazione. L’ottimizzazione HDR aggiunge un aspetto più ricco e dinamico alle immagini, aumentando colore, contrasto e luci.

Le nuove capacità di editing mobile di Lightroom permettono di gestire le librerie di foto e modificare le immagini direttamente dal telefono. Questo rende Lightroom più conveniente e facile da usare in mobilità, rispondendo alle esigenze degli utenti moderni.

Secondo Adobe, Firefly ha avuto un enorme successo sin dal suo lancio pubblico. Dalla sua introduzione nel marzo 2023, gli utenti hanno generato oltre 8 miliardi di immagini utilizzando gli strumenti creativi di Adobe. L’azienda sottolinea che Firefly è stato addestrato su contenuti con licenza, come Adobe Stock, garantendo la sicurezza per l’uso commerciale e rispettando elevati standard etici nell’uso dell’IA.

Fonte


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Imprenditore digitale.