Skip to main content

Google segue l’esempio di Apple e rimuove alcune app di criptovalute in India

  • Pubblicato:
    15 Gennaio 2024, 14:38
  • Aggiornato:
    15 Gennaio 2024, 14:38
Lorenzo Ricciutelli
Google rimuove app di crypto dal play store

Google ha seguito l’esempio di Apple rimuovendo diverse importanti app di scambio di criptovalute dal Google Play Store in India, dopo che alcuni regolatori le hanno considerate illegali nel paese.

Il 10 gennaio, dopo che l’Unità di Intelligenza Finanziaria dell’India ha deciso che nove scambi di criptovalute non hanno rispettato le leggi anti-riciclaggio e ha richiesto di bloccare l’accesso ai siti web, Apple ha rimosso nove app di criptovalute dall’App Store. Pochi giorni dopo, Google ha fatto lo stesso.

Sono state rimosse dal Google Play Store diverse piattaforme di scambio, tra cui Binance, Kraken, Huobi, Gate.io, Bittrex e Bitfinex. Non è chiaro se la richiesta dell’FIU al Ministero dell’IT indiano riguardasse anche la rimozione delle app associate. Né Google né Apple hanno confermato che sia stata fatta una richiesta per la rimozione delle app.

Il motivo principale delle rimozioni è dovuto all’introduzione in India di una tassa del 30% sui guadagni di capitale e di un prelievo dell’1% sulle transazioni sulle criptovalute nel 2022. Dopo l’introduzione di questa tassa, i trader locali di criptovalute si sono spostati su piattaforme globali che non rispettavano necessariamente i protocolli di conoscenza del cliente associati all’Atto di Prevenzione del Riciclaggio di Denaro dell’India.

Eludendo il controllo delle transazioni, i regolatori ritengono che le mosse dei trader riflettano un comportamento classico di evasione fiscale.

Fonte


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Nel tempo libero sono un imprenditore digitale.