Skip to main content

Il Chatbot Grok di X è in arrivo questa settimana

Arriva Grok, il chatbot di X
  • Pubblicato:
    27 Marzo 2024, 15:40
  • Aggiornato:
    27 Marzo 2024, 15:41
Lorenzo Ricciutelli

Elon Musk ha comunicato che Grok, il particolare Chatbot di X, è in arrivo a tutti gli abbonati a X, entro fine settimana.

La notizia arriva in un momento molto delicato per X, ex Twitter, che vuole incrementare i ricavi per via di un costante abbandono della piattaforma e conseguente fuga degli inserzionisti. Grok sarà attivo a tutti gli abbonati della piattaforma, non solo a quelli che, a fronte di un pagamento di 16 dollari al mese, avevano accesso al piano Premium+.

Gli abbonamenti premium di X

Questi sono gli abbonamenti Premum di X:

  • Premium Basic, al costo di 3 dollari al mese;
  • Premium, proposto a 8 dollari al mese;
  • Premium+, disponibile a 16 dollari al mese.

Con l’introduzione del chatbot, i vantaggi aggiuntivi dell’offerta Premium+ sono pochi rispetto all’abbonamento Premium e per il momento si limitano all’esclusione dei contenuti pubblicitari nelle sezioni “Per te” e “Seguiti” e la possibilità di pubblicare contenuti più lunghi, se necessario.

Il Chatbot Grok AI

Il chatbot Grok è il nuovo concorrente di ChatGPT e Claude, e adotta un funzionamento simile. Ciò che dovrebbe distinguerlo è la sua “personalità”, descritta da Musk coem “arguta” e “tendente alla ribellione”. Inoltre, Grok sembra disporre di minori meccanismi di sicurezza rispetto ad altri modelli di intelligenza artificiale generativa, il che suggerisce una maggiore disponibilità a trattare tematiche di natura delicata.

Entro fine settimana, Grok sarà attivato per tutti gli abbonati Premium, e non esclusivamente per quelli al livello Premium+.

Secondo quanto riportato da TechCrunch, la decisione di Musk dovrebbe stimolare le sottoscrizioni a pagamento in un periodo di difficoltà finanziarie per l’azienda. Pare che la maggior parte dei principali inserzionisti della piattaforma si sia ritirata, con un forte calo dell’attenzione verso gli annunci pubblicitari rimanenti.

L’utilizzo di X negli Stati Uniti ha registrato una flessione del 18% su base annua a partire da febbraio, e del 23% dall’acquisizione da parte di Musk. Sensor Tower ha rilevato che 75 tra i 100 maggiori inserzionisti statunitensi su X a partire da ottobre 2022 hanno cessato di investire sulla piattaforma.


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Imprenditore digitale.