Skip to main content

Microsoft, guadagni da record grazie ad Activision ed AI

  • Pubblicato:
    31 Gennaio 2024, 09:19
  • Aggiornato:
    31 Gennaio 2024, 09:19
Lorenzo Ricciutelli
Microsoft supera Apple come valore delle azioni

Microsoft ha raggiunto un valore di mercato di 3 trilioni di dollari, superando Apple come azienda più preziosa al mondo.

La compagnia fondata da Bill Gates ha superato ogni aspettativa degli analisti grazie ai suoi investimenti nel campo dell’intelligenza artificiale, in particolare nel reparto di cloud computing chiamato Microsoft Azure.

Secondo quanto riportato dal Guardian, Il gigante del software ha riportato un fatturato di 62 miliardi di dollari, in aumento del 18% rispetto all’anno precedente, superando le previsioni di 61,1 miliardi di dollari. Il reddito netto annuale è cresciuto del 33%, raggiungendo i 21,9 miliardi di dollari.

Satya Nadella, CEO di Microsoft, ha dichiarato: “Siamo passati dal parlare di IA all’utilizzo di questa su larga scala. Infondendo l’intelligenza artificiale in ogni settore della nostra tecnologia, stiamo attirando nuovi clienti e ottenendo benefici e guadagni in ogni settore”.

Il fatturato di Microsoft Cloud è aumentato del 24% su base annua. Il fatturato della divisione Xbox, compresi i contenuti e i servizi, è cresciuto del 61% grazie all’acquisizione di Activision Blizzard, contribuendo con un aumento del 4% al fatturato complessivo della società.

Microsoft, recentemente diventata l’azienda più preziosa al mondo superando Apple, è l’unica azienda oltre ad Apple ad aver raggiunto una valutazione di mercato di 3 trilioni di dollari.

Considerata un leader nel campo dell’IA, sia per i propri sforzi sia per i legami stretti con OpenAI, di cui è il maggiore azionista, Microsoft ha visto il ritorno di Sam Altman come CEO di OpenAI grazie anche a Satya Nadella. Microsoft infatti detiene un posto “importante” nel consiglio di amministrazione di OpenAI.

Jeremy Goldman, direttore senior di Insider Intelligence/eMarketer, ha commentato: “L’eccezionale performance finanziaria recente dell’azienda, evidenziata da un aumento del fatturato del 18% nel comunicato sugli utili di oggi, segnala una potente fusione di innovazione e previsione strategica. Mentre concorrenti come Alphabet e Meta navigano nel paesaggio dell’IA, Microsoft si sta affermando come leader nella corsa all’IA.”

L’influenza di Microsoft sullo sviluppo dell’IA è cresciuta così rapidamente da attirare l’attenzione dei regolatori e di soggetti esterni all’industria tecnologica. Gli investitori hanno ignorato le preoccupazioni sui crescenti ostacoli, con un conseguente aumento delle azioni del 10% nell’ultimo mese.

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha annunciato la scorsa settimana di aver avviato un’indagine sull’investimento di 10 miliardi di dollari della società in OpenAI, così come su accordi stipulati da Google, Amazon e dalla startup di IA Anthropic. Anche l’Autorità per la Concorrenza e i Mercati del Regno Unito sta esaminando l’accordo. I regolatori dell’Unione Europea hanno dichiarato che potrebbero avviare indagini simili. Nel frattempo però, il New York Times ha fatto causa a OpenAI e Microsoft all’inizio di dicembre, accusandole di violazione del diritto d’autore tramite ChatGPT.

Questo trimestre segna anche la prima volta in cui Microsoft riporta gli utili con Activision Blizzard, lo studio di giochi di primo piano dietro successi come Call of Duty e World of Warcraft A ottobre, Microsoft ha completato l’acquisizione del produttore di videogiochi per 69 miliardi di dollari, dopo un lungo tira e molla con i regolatori.

Microsoft, nonostante questa posizione di primo piano, passerà comunque un periodo meno brillante del solito, ha infatti licenziato 1.900 dipendenti la scorsa settimana in tutta la sua divisione gaming, inclusi dipendenti di Activision così come programmatori ed ingegneri che lavorano sulla console Xbox, aggiungendosi ad altre aziende del calibro di TikTok, Amazon ed Ebay che continuano a sfoltire la forza lavoro.


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Nel tempo libero sono un imprenditore digitale.