Skip to main content

Midjourney potrebbe vietare la produzione di immagini politiche durante il periodo delle elezioni

  • Pubblicato:
    09 Febbraio 2024, 09:20
  • Aggiornato:
    09 Febbraio 2024, 10:24
Lorenzo Ricciutelli
Elezioni USA 2024

Per contrastare le fake news di carattere politico, Midjourney vieta la produzione di immagini ccon Trump e Biden durante il periodo delle elezioni.

Il crescente utilizzo degli strumenti di intelligenza artificiale capaci di creare immagini e video modificate ha reso la diffusione di fake news più semplice che mai. Midjourney, il tool che crea immagini con IA tramite comandi testuali, vieterebbe la generazione di immagini raffiguranti Biden e Trump durante questo periodo elettorale negli USA.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, la soluzione di Midjourney a tale problematica potrebbe consistere nel vietare completamente le immagini di carattere politico. David Holz, CEO di Midjourney, avrebbe comunicato agli utenti durante una sessione di chat su Discord che l’azienda è vicina al divieto di immagini riguardanti figure politiche come Biden e Trump per i prossimi 12 mesi.

“Lo so che è divertente creare immagini di Trump — anch’io ne creo” ha dichiarato agli utenti presenti alla sessione. “Trump è esteticamente molto interessante. Probabilmente è meglio evitare — meglio ritirarsi un po’ durante questa elezione. Vedremo.” Come sottolinea Bloomberg, in passato qualcuno ha creato delle finte immagini di Trump mentre veniva arrestato e purtroppo (o ovviamente) sono diventate virali.

Ora l’azienda dispone di regole che proibiscono la creazione di “figure pubbliche ingannevoli” e la rappresentazione di “eventi” con il “potenziale di ingannare”. Bloomberg è stato comunque in grado di creare immagini modificate di Trump ricoperto di spaghetti utilizzando la versione precedente del sistema di Midjourney, mentre la versione più recente si è rifiutata di generare immagini modificate dell’ex Presidente.

Naturalmente anche se Midjourney dovesse vietare le immagini di politici di alto profilo, ciò servirebbe solo a proteggere la propria piattaforma dall’attirare le critiche e diventare il centro dell’attenzione in questa stagione elettorale. Non impedirebbe l’utilizzo di strumenti di IA nelle campagne di disinformazione politica o la diffusione di false informazioni volte a manipolare le elezioni nel loro complesso.

Anche altre aziende tech hanno preso provvedimenti per prevenire la disinformazione politica, o almeno per renderne più semplice l’identificazione. ChatGPT inizierà presto a etichettare le immagini create utilizzando DALL-E 3, mentre Meta sta lavorando allo sviluppo di tecnologie capaci di rilevare e indicare se un’immagine, un video o un clip audio sono stati generati tramite intelligenza artificiale. Intanto in USA sono state vietate le chiamate con voce clonata da IA.

Via Engadget – Fonte Bloomberg


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Nel tempo libero sono un imprenditore digitale.