Skip to main content

Obsolescenza programmata: Cos’è, come funziona ed esempi

  • Pubblicato:
    12 Febbraio 2024, 16:58
  • Aggiornato:
    12 Febbraio 2024, 16:58
Lorenzo Ricciutelli
obsolescenza programmata

L’obsolescenza programmata è una realtà pervasiva nel tessuto consumistico moderno, influenzando il ciclo di vita di prodotti che spaziano dagli elettrodomestici ai dispositivi elettronici.

Questa pratica non solo comporta un incremento dei rifiuti e un impatto negativo sull’ambiente, ma solleva anche questioni etiche legate al consumo e alla sostenibilità.

Che cos’è l’obsolescenza programmata

Identificare l’obsolescenza programmata significa riconoscere una precisa strategia commerciale: ridurre intenzionalmente la durata di un prodotto per stimolare consumi ripetuti. Questo approccio, lungi dall’essere un fenomeno marginale, si rivela una costante nel design e nella produzione di molti beni, orientando il mercato verso un modello di consumo non sostenibile.

Con l’introduzione di prodotti progettati per avere una vita utile limitata, si genera una catena di conseguenze che vanno dal costante bisogno di sostituzione alla produzione incessante di rifiuti.

Esistono tre differenti tipologie di obsolescenza programmata:

  1. Obsolescenza tecnica: Forse la forma più riconoscibile, si verifica quando nuovi modelli di un prodotto introducono caratteristiche tecniche o estetiche che rendono i modelli precedenti meno desiderabili o addirittura incompatibili con nuovi standard o software. Un esempio calzante è il mercato degli smartphone, dove i dispositivi più vecchi possono non supportare le ultime versioni di sistemi operativi o applicazioni.
  2. Obsolescenza funzionale: Si verifica quando un prodotto smette di funzionare correttamente a causa di guasti o malfunzionamenti programmati. Questo può essere il risultato di componenti di scarsa qualità che si usurano rapidamente o di progettazione che rende difficile o costosa la riparazione.
  3. Obsolescenza percettiva: Questa forma di obsolescenza si basa sulla percezione del consumatore più che su cambiamenti tangibili nel prodotto. Campagne pubblicitarie aggressive e modelli di moda che cambiano rapidamente possono far sentire i consumatori come se il loro prodotto, nonostante sia ancora funzionale, sia “vecchio” o fuori moda.

Esempi di obsolescenza programmata

L’obsolescenza programmata si manifesta attraverso vari esempi nel quotidiano.

Smartphone che rallentano dopo aggiornamenti software, elettrodomestici che falliscono poco dopo la scadenza della garanzia, e stampanti che segnalano erroneamente l’esaurimento dell’inchiostro. Questi esempi illustrano come la pratica sia radicata in diversi settori, evidenziando una tendenza all’accelerazione del ciclo di consumo e alla generazione di rifiuti.

La storia dell’obsolescenza programmata

L’obsolescenza programmata non è un fenomeno nuovo. La sua storia si intreccia profondamente con lo sviluppo dell’industrializzazione moderna e la nascita della società dei consumi. Analizzarne le origini e l’evoluzione aiuta a comprendere come sia diventata una pratica diffusa e radicata nella produzione di beni di consumo.

Una delle prime e più famose manifestazioni di obsolescenza programmata risale al 1924 con la formazione del Cartello Phoebus.

Cartello Phoebus

Questo consorzio, che riuniva i maggiori produttori di lampadine elettriche dell’epoca, si accordò per limitare la vita utile delle lampadine a incandescenza a 1.000 ore di funzionamento. Questa decisione fu presa nonostante le tecnologie disponibili all’epoca permettessero di produrre lampadine molto più durature, alcune delle quali funzionano ancora oggi dopo decenni. L’obiettivo del cartello era chiaramente quello di aumentare la frequenza di acquisto delle lampadine, massimizzando così i profitti dei produttori a scapito della sostenibilità e dell’economia dei consumatori. Questo episodio è spesso citato come un chiaro esempio di come l’obsolescenza programmata sia stata deliberatamente utilizzata come strategia commerciale.

Con il passare degli anni e l’avanzare della società industriale, l’obsolescenza programmata ha iniziato a manifestarsi in diversi settori, andando ben oltre il caso delle lampadine. Uno degli esempi più emblematici è stato nel settore dell’elettronica di consumo, dove l’evoluzione tecnologica rapida e costante ha fornito il pretesto perfetto per ridurre la vita utile dei prodotti. Dagli anni ’60 in poi, con l’aumento della produzione di massa e l’espansione del mercato globale, la pratica dell’obsolescenza programmata è diventata sempre più diffusa, influenzando la progettazione di una vasta gamma di prodotti, dagli elettrodomestici agli apparecchi audiovisivi.

Negli anni ’50, lo stilista automobilistico americano Harley Earl introdusse il concetto di “model year” o anno modello nell’industria automobilistica. Questo approccio prevedeva cambiamenti estetici annuali ai modelli di auto, spingendo i consumatori a desiderare l’ultimo modello per motivi di status sociale più che per necessità funzionale. Questa pratica ha contribuito a consolidare l’obsolescenza percettiva come uno strumento di marketing potentissimo, estendendosi negli anni successivi a molteplici settori del consumo.

L’obsolescenza programmata nei dispositivi elettronici

Vita media degli smartphone

Gli smartphone, simboli dell’era digitale, sono forse i maggiori esponenti dell’obsolescenza programmata. Con una vita media stimata tra i due e i tre anni, questi dispositivi evidenziano come le innovazioni tecnologiche e le strategie commerciali contribuiscano a un rapido ciclo di sostituzione. Aggiornamenti software che ne limitano le prestazioni o design che rendono complesse le riparazioni sono solo alcuni degli aspetti che accelerano il loro rinnovo.

Durata dei laptop

I laptop, pur avendo una vita media superiore rispetto agli smartphone, non sfuggono alle dinamiche dell’obsolescenza programmata. Anche in questo caso, la progressione tecnologica e la progettazione orientata alla non riparabilità influiscono sulla percezione della loro obsolescenza, spingendo al rinnovo prima del necessario.

Durata degli elettrodomestici

Frigoriferi e lavatrici, con una vita media tra i 10 e i 15 anni, sembrano resistere più a lungo alle logiche dell’obsolescenza. Tuttavia, la difficoltà nel reperire pezzi di ricambio e i costi eccessivi delle riparazioni contribuiscono a una percezione di obsolescenza anticipata, spingendo alla sostituzione anche quando non strettamente necessario.

Le conseguenze ambientali dell’obsolescenza programmata

L’impatto ambientale dell’obsolescenza programmata è profondo. Dai rifiuti elettronici che superano il peso della Grande Muraglia Cinese all’inquinamento derivante dalla produzione, le conseguenze si estendono oltre il semplice spreco di risorse. Questa pratica alimenta un ciclo insostenibile di consumo e smaltimento che richiede un intervento urgente per essere mitigato.

Strategie di risoluzione per l’obsolescenza programmata

Affrontare l’obsolescenza programmata richiede un cambiamento a livello sistemico, che coinvolga consumatori, aziende e legislatori.

La crescente consapevolezza dei consumatori e le iniziative normative, come quelle avviate dall’Unione Europea, rappresentano passi importanti verso prodotti più duraturi e riparabili. In particolare, il diritto alla riparabilità e l’eco-design emergono come concetti chiave per contrastare la logica dell’usa e getta.

La Francia ha già iniziato a combattere questo fenomeno, riconoscendo il fenomeno di Obsolescenza programmata un vero e proprio reato.

Differenze tra Europa e USA

Mentre l’Europa sembra avere preso la guida nell’imporre regolamenti che contrastano l’obsolescenza programmata, gli Stati Uniti seguono con un approccio più frammentato. Le differenze tra queste due realtà evidenziano come la lotta all’obsolescenza programmata sia influenzata dal contesto legislativo e culturale, rimarcando l’importanza di un impegno condiviso a livello globale.

In conclusione, l’obsolescenza programmata rappresenta una sfida complessa che richiede un impegno collettivo per essere superata. La strada verso prodotti più duraturi e sostenibili è ancora lunga ma, attraverso iniziative normative e un cambiamento nei comportamenti di consumo, è possibile intravedere un futuro in cui la sostenibilità prevale sull’usa e getta.


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Nel tempo libero sono un imprenditore digitale.