Skip to main content

PQ3, cos’è il protocollo post-quantistico per iMessage

imessage di Apple
  • Pubblicato:
    23 Febbraio 2024, 09:51
  • Aggiornato:
    23 Febbraio 2024, 09:51
Lorenzo Ricciutelli

Apple ha annunciato un nuovo protocollo crittografico “post-quantistico” denominato PQ3, che offre maggiori estese funzioni di sicurezza contro attacchi quantistici anche sofisticati.

In un post sul blog di Apple, l’azienda afferma che le protezioni offerte dal protocollo PQ3 “superino quelle di tutte le altre app di messaggistica diffuse globalmente”:

“Oggi annunciamo il più significativo aggiornamento crittografico nella storia di iMessage. Questo protocollo crittografico post-quantistico è un netto passo avanti nel campo della messaggistica sicura end-to-end. La crittografia resistente ad attacchi quantistici anche molto sofisticati ed è il primo protocollo per la messaggistica a raggiungere il livello 3 di sicurezza. Questo livello fornisce protezioni che superano quelle di tutte le altre app di messaggistica ampiamente utilizzate a livello globale. PQ3 ha, a nostra conoscenza, le proprietà di sicurezza più forti di qualsiasi altro protocollo di messaggistica.”

PQ3 apple protocollo per imessage

Apple introdurrà PQ3 gradualmente nelle conversazioni su iMessage con le versioni iOS 17.4, iPadOS 17.4, macOS 14.4 e watchOS 10.4 a partire da marzo. Il protocollo è già presente nelle ultime versioni beta degli ultimi aggiornamenti. Inizialmente visionOS non supporterà PQ3, come confermato anche dall’azienda.

PQ3 è pronto a sostituire completamente il protocollo crittografico attuale di iMessage in tutte le conversazioni entro la fine dell’anno. Per attivare il nuovo protocollo, tutti i dispositivi coinvolti nella conversazione su iMessage devono avere installato il software più recente.

Crittografia Post-Quantistica

Anche se iMessage supporta già la crittografia end-to-end, i nuovi protocolli si basano su futuri problemi matematici che i computer quantistici saranno in grado di risolvere.

L’obiettivo di PQ3 è quello di proteggere gli utenti dagli attacchi “Harvest Now, Decrypt Later“, in cui gli aggressori raccolgono grandi quantità di dati crittografati e li archiviano, sperando di poterli decrittografare in futuro con un computer quantistico.


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Imprenditore digitale.