Skip to main content

Spotify licenzia il 17% dei suoi dipendenti nell’ultimo round di riduzioni del personale

  • Pubblicato:
    04 Dicembre 2023, 10:36
  • Aggiornato:
    04 Dicembre 2023, 10:36
Lorenzo Ricciutelli
Il nuovo logo di Spotify

Spotify, il gigante dello streaming musicale, ha annunciato un taglio significativo del suo personale.

Daniel Ek, CEO dell’azienda, ha comunicato che il 17% dei dipendenti verrà licenziato. Questa mossa coinvolgerà circa 1.500 persone, basandosi sul numero totale di dipendenti di 9.241 riportato nell’ultimo rilascio degli utili.

Ek, in una mail inviata al personale, ha attribuito i tagli del personale alla crescita economica rallentata e all’aumento dei costi, affermando che renderanno Spotify un’azienda più snella. “Abbiamo ancora troppe persone dedite al supporto del lavoro e addirittura all’esecuzione di compiti non essenziali piuttosto che contribuire a opportunità di reale impatto,” ha scritto Ek. “Con la nostra crescita, ci siamo allontanati troppo da questo principio fondamentale di efficienza,” ha aggiunto in seguito.

Questo è il terzo importante round di licenziamenti condotto da Spotify quest’anno. A gennaio, l’azienda aveva annunciato il licenziamento del 6% del personale, circa 600 dipendenti. Poi, a giugno, aveva annunciato ulteriori 200 tagli dalla sua divisione podcast. Oltre a ridurre i costi, Spotify ha anche adottato misure per aumentare i ricavi, aumentando i prezzi di diversi suoi piani in vari mercati.

Questi licenziamenti seguono un significativo aumento del personale di Spotify durante la pandemia, con un raddoppio del numero di dipendenti negli ultimi tre anni, come sottolinea il The Wall Street Journal. Ek ha difeso la sua decisione di espandere il team in quel periodo, ma ha riconosciuto che “ora ci troviamo in un ambiente molto diverso”.

I dipendenti colpiti dai recenti licenziamenti di Spotify riceveranno circa cinque mesi di liquidazione, secondo il memo di Ek, durante i quali l’azienda continuerà a coprire le loro spese sanitarie.

Storicamente, Spotify ha privilegiato la crescita rispetto ai profitti trimestrali, ma gli investitori hanno iniziato a spingere per la redditività nell’ultimo anno.

Ek aveva dichiarato in un incontro con gli investitori lo scorso anno che intende rendere Spotify redditizia entro il 2024. Nonostante l’azienda abbia registrato un profitto trimestrale nell’ultimo rilascio degli utili, ha comunque riportato perdite di 462 milioni di euro (circa 502 milioni di dollari) nei primi nove mesi di quest’anno.

Fonte


Lorenzo Ricciutelli
Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Techdot. Vivo da sempre con un’amore sfrenato per l’informatica e la tecnologia. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza. Nel tempo libero sono un imprenditore digitale.